20 Mar 2019

Sicurezza: un approccio evolutivo

Schermata 2019-03-20 alle 16.57.35.png
La sicurezza è un approccio evolutivo che riguarda l’intero sistema e mai solo una parte.
Quando si parla di utilizzo del carrello elevatore in sicurezza, pertanto non è possibile limitarsi al veicolo ma bisogna prendere in considerazione:

1. AMBIENTE
2. OPERATORE
3. VEICOLO

L’ordine non è casuale, basti pensare ad un carrellista esperto a bordo di un mezzo in ottime condizioni che opera in spazi angusti e promiscui, occupati da numerosi pedoni. Non è una condizione sicura.
Il primo passo dunque è creare un ambiente idoneo alle operazioni da svolgere, con spazi di manovra confortevoli, regole condivise, apposita segnaletica e percorsi separati per veicoli e pedoni.
Il secondo passo è formare l’operatore. Non basta l’esperienza, l’aspetto più importante è comprendere dal punto di vista tecnico perché alcune operazioni generano potenziali pericoli. La conoscenza attiva il ragionamento ed inibisce le azioni che possono avere conseguenze fatali.
Ultimo aspetto è dotare il carrellista di uno strumento adeguato.
Adeguato vuol dire:

• Idoneo rispetto al contesto operativo per ingombro e raggio di sterzata
• In grado di sostenere la prestazione più gravosa tra tutte quelle da compiere
Controllato secondo le linee guida ISPESL
• Sottoposto a costante manutenzione

L’approccio evolutivo impone la ricerca continua di soluzioni che alzino il livello di sicurezza. Oggi il mercato offre diverse alternative e strumenti complementari, in grado di ridurre il rischio di incidenti nell’utilizzo dei carrelli elevatori. Tra questi segnaliamo:

Blu spot posteriore, luce blu che traccia a terra l’avvicinamento del veicolo in retromarcia
Red warning lines, luci rosse laterali che tracciano a terra l’ingombro del veicolo in rotazione
Ego pro safe move, sensori di movimento che intercettano speciali tag indossati dai pedoni segnalandone la presenza ed intervenendo sino ad arrestare il veicolo in caso di pericolo

Il passaggio fondamentale è comprendere come la sicurezza sia divenuta una delle leve primarie per mantenere il personale qualificato, attrarre le migliori risorse e ridurre possibili ritardi produttivi.
La sicurezza non è un costo ma un investimento per la crescita.

Andrea De Antoni

General Manager

GRUPPO VECCHIATO ROBIS
commenta

Commenti

Non ci sono commenti

Questo sito utilizza cookie, continuando a navigare acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni sono disponibili al link Privacy.
Accetto